La procreazione medicalmente assistita ai tempi del Coronavirus

La procreazione medicalmente assistita ai tempi del Coronavirus

L’impegno di GynePro per una clinica “COVID controlled”

23/10/2020

L’esplosione della pandemia dovuta al nuovo coronavirus (chiamato SARS-CoV-2) con la diffusione della malattia denominata COVID 19 ha avuto un impatto significativo a livello mondiale sui sistemi sanitari e sull’erogazione delle prestazioni assistenziali, non ultime quelle in ambito riproduttivo.

Dopo i mesi del lock-down, durante i quali si è resa necessaria la sospensione di molti trattamenti sanitari differibili, incluse naturalmente tutte le terapie di fecondazione assistita, si è posto il problema delle misure da adottare per la ripresa dei trattamenti in un regime di massima tranquillità per operatori e pazienti.

Fin dall’inizio dell’emergenza, la Direzione del gruppo GynePro si è adoprata per implementare specifici protocolli atti a garantire un ambiente sicuro e “COVID controlled”.

Misure di distanziamento sociale e protezione individuale

La Clinica ha un’adeguata dotazione di spazi, che consentono sempre il mantenimento della distanza di sicurezza; rileviamo la temperatura corporea all’ingresso ed abbiamo provveduto a distanziare adeguatamente gli appuntamenti.

Tutti i pazienti devono indossare una mascherina chirurgica a protezione di sé stessi e degli altri; gli accompagnatori, che non sono direttamente coinvolti nell’erogazione della prestazione sanitaria sono invitati ad attendere fuori dal Poliambulatorio, quando non sussistano specifiche esigenze (pazienti minorenni o non autosufficienti, ad esempio). Sono ampiamente disponibili in tutte le strutture presidi per l’igiene della mani.

Accesso ai trattamenti di fecondazione assistita

Le coppie candidate a terapie di fecondazione assistita (o ad altre procedure invasive) compilano sempre un’autocertificazione sull’assenza di sintomi sospetti per COVID 19 prima di iniziare il trattamento.

Nei casi dubbi, in Clinica è possibile eseguire sia il prelievo ematico per i test sierologici, che rilevano la presenza di anticorpi diretti contro il nuovo coronavirus, sia il tampone oro-rinofaringeo per la ricerca diretta del virus SARS-CoV-2 mediante tecniche di biologia molecolare; l’analisi dei campioni biologici è affidata a laboratori certificati e provvisti di regolare autorizzazione regionale per le analisi COVID.

Le pazienti candidate ad accedere in sala operatoria per procedure in anestesia generale (compreso ovviamente il prelievo degli ovuli nei cicli di fecondazione in vitro) devono sottoporsi, nell’immediatezza dell’intervento, al tampone per la ricerca del coronavirus; la procedura chirurgica è ovviamente rimandata in caso di positività.

I microrganismi in generale ed i virus nello specifico non temono il freddo e possono rimanere vitali e potenzialmente infettanti anche dopo l’esposizione a temperature estremamente basse come quelle dell’azoto liquido impiegato per la conservazione degli ovuli, degli spermatozoi e degli embrioni ottenuti dai trattamenti di fecondazione assistita. In GynePro abbiamo brevettato ed impieghiamo di routine un metodo altamente efficiente per sterilizzare l’azoto usato per la criobiologia, in modo da evitare qualsiasi rischio di contaminazione delle cellule riproduttive conservate nelle nostre criobanche.

Sorveglianza del personale medico, paramedico e amministrativo

Tutto il personale operativo in Clinica è invitato ad aderire al programma aziendale di sorveglianza sierologica attuato mediante la ripetizione a cadenza mensile del test sierologico per la ricerca degli anticorpi anti SARS-CoV-2; in caso di risultati anomali è prevista l’immediata esecuzione del tampone con allontanamento dall’ambiente di lavoro fino all’esito del medesimo.

Lo screening ovviamente è su base volontaria ma ha avuto un’ampia partecipazione.

Igiene degli ambienti e sanificazione

Applichiamo con la massima cura i protocolli di igiene e sanificazione in tutti gli ambienti della clinica, con l’uso regolare di presidi medico-chirurgici certificati e dotati di comprovata attività battericida, virucida e sporicida. Particolare attenzione è dedicata ai sistemi di aerazione, sottoposti frequenti manutenzioni ed igienizzazioni. L’aria dei laboratori di fecondazione assistita e del blocco operatorio, per di più, è continuamente rinnovata e sottoposta a filtraggio con elevatissima efficienza. I monitoraggi periodici delle cariche microbiologiche hanno sempre comprovato l’elevata efficacia delle procedure in uso.

Conclusioni

La politica di contrasto alla diffusione del COVID adottata dal gruppo GynePro è articolata su più settori operativi e si prefigge come obiettivo prioritario la tutela della salute dei pazienti che accedono alle nostre strutture; tuttavia, a tale fine, è importante la collaborazione di tutti attraverso la puntuale osservanza delle norme comportamentali di tutela individuale ed il rispetto scrupoloso delle procedure di sicurezza  indicate.



Richiesta Informazioni/Appuntamento

Captcha image

Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi dell'art. 7 del GDPR (Reg. EU 679/2016). Leggi la nostra privacy policy.


Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi dell'art. 7 comma 2 del GDPR (Reg. EU 679/2016) ai fini di comunicazioni commerciali. Leggi la nostra privacy policy.

Il messaggio è stato inviato correttamente