Ecografia ginecologica 2D e tridimensionale 3D

Ecografia ginecologica 2D e tridimensionale 3D

Ecografia 2D
  • Serve ad identificare problemi relativi all’utero (fibromi, polipi endometriali, adenomiosi), alle ovaie (cisti, neoformazioni), e alle strutture circostanti (peritoneo e intestino). Permette inoltre di valutare la riserva funzionale ovarica attraverso la conta dei follicoli antrali (AFC)
  • Questo tipo di ecografia si esegue di solito con una sonda transvaginale, ma va integrata anche con l’uso di una sonda transaddominale

Ecografia 3D
  • Serve ad identificare le malformazioni uterine (utero arcuato, subsetto, setto, bicorne) . Permette inoltre di valutare la riserva funzionale ovarica attraverso la conta tridimensionale dei follicoli antrali, informazione molto utile prima di programmare un trattamento di Procreazione Medicalmente Assistita.
  • Questo tipo di ecografia si esegue di solito con una sonda transvaginale, preferibilmente nella seconda fase del ciclo mestruale